RESIDENZA VIA DELLE SVOLTE

RESIDENZA VIA DELLE SVOLTE

RESIDENZA VIA DELLE SVOLTE

 

LOCALITA’: PETTINO – L’AQUILA (AQ)

COMMITTENTE: DI CLEMENTE

ANNO: 2016

L’edificio si compone di un corpo principale al quale si aggiungono pertinenze esterne adibite a garage e cantine realizzate lungo i tre quarti del perimetro esterno. Tali pertinenze sono state escluse dalle superfici utili al conteggio del contributo statale, sebbene invece siano state inserite nel calcolo strutturale in quanto facenti parte dell’organismo strutturale resistente. L’immobile è un edificio isolato, con annessa corte esterna privata alla quale si accede da Via delle Svolte; esso è irregolare sia in pianta sia in altezza. L’edificio si compone in altezza di 3 livelli di cui uno seminterrato e due fuori terra destinati a civile abitazione. La struttura originaria è in muratura di pietrame disordinata con sacco interno. Le pertinenze esterne sono costituite, invece, da muratura in blocchi pieni di calcestruzzo e da pilastri realizzati in mattoni pieni e malta di calce sui quali poggiano le relative strutture lignee di copertura. I solai dell’edificio principale, sono disposti su quote differenti all’interno del medesimo piano e sono privi a tutte le elevazioni di un collegamento efficace con la muratura. Inoltre la struttura non è dotata in corrispondenza delle bucature di efficaci architravi di sostegno e collegamento dei vari setti murari. Le fondazioni dell’immobile sono del tipo continuo e diretto poste al di sotto delle murature e dall’esame dei documenti acquisiti risultano essere in pietrame e calcestruzzo e consistono in un modesto allargamento del soprastante setto murario.

Il fabbricato ha subito, a seguito del sisma Abruzzo del 6 aprile 2009, un danneggiamento significativo, localmente molto grave, che ha compromesso significativamente la sua capacità di resistenza. Gli interventi strutturali proposti in progetto, compatibilmente con le somme finanziabili per l’edificio in questione, riguardano: la riparazione di tutti i danni subiti, sia a livello di murature sia di solai, sia di copertura; il rafforzamento sismico dell’organismo strutturale così da elevare l’indicatore di rischio portandolo ad un valore compreso tra 0,6 e 0,8. In particolare, si è prevista la riparazione delle volte esistenti danneggiate tramite l’applicazione di rete in fibra di vetro e malta cementizia bi-componente; per gli interventi di rafforzamento, si è previsto, in dettaglio, di iniettare con malta cementizia tutte le murature in pietrame, ad eccezione delle zone già trattate.

x

Utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza online. Accettando l'accettazione dei cookie in conformità con la nostra politica sui cookie.

Accetto Non accetto Centro privacy Impostazioni Privacy Leggi Cookie Policy